Romania on the road – Giorno 1

Non è importante nel viaggio il punto cardinale, ma il punto di vista. (Antonio Politano)

13/08/2016

IMG_20160813_132310

Austria

La prima impressione è quella di trovarsi in un paese quasi disabitato. La natura è la protagonista del viaggio fra il confine e la capitale tutta luci e musica. Sono già stata in Austria, ben sette anni fa, ma non ricordavo questa atmosfera così serena, che invece sto scoprendo adesso. Forse all’epoca non ero pronta ad assorbirla.

Paragonato al traffico sulle autostrade italiane, quello che si incontra in Austria è mille volte inferiore. Ha senso, se si pensa che l’Austria è all’incirca grande come il nostro settentrione ed ospita un numero di abitanti pari quasi a quello della sola Lombardia.

IMG_20160813_153622

La campagna è piena di enormi campi adibiti al pascolo, prevalentemente di mucche, e le case hanno quei bei tetti in legno che ricordano le fiabe dei fratelli Grimm. Sono così incantata da tutto questo che nemmeno l’odore pungente delle stalle mi da fastidio.

Wien – Vienna

Dopo lungo peregrinare siamo arrivati a Vienna. Capitale della musica e dei sorrisi. Ci ha accolti subito con i suoi palazzi splendidi e la Cattedrale di Santo Stefano. Pur non avendo prenotato siamo stati fortunati abbastanza da trovare una camera nell’hotel Pension Reimer, a dieci minuti a piedi dal centro. Come molti edifici di questa zona, è un vecchio palazzo che mostra ancora tutto il suo vecchio splendore. La pensione si divide in due piani, al primo si può trovare anche la sala per la colazione e i vari pasti. L’anziana signora che ora la gestisce è stata fin da subito molto gentile e cordiale, venendo incontro alle nostre carenze in tedesco con un inglese quasi impeccabile.

IMG_20160814_091852

Mi ha fatto effetto rivedere Vienna e le sue luci, sicuramente mi dispiacerà andarmene domani. Ma del resto la Transilvania ci attende.

Dopo aver sistemato le valige siamo usciti in cerca di un bel posticino dove mangiare. Il caso ha voluto che finissimo col cenare ciascuno con ciò che voleva, separatamente, in Stefanplatz. Io ho puntato uno di quegli ambulanti con l’hotdog e non mi sono fatta perdere l’occasione.

All’andata siamo passati alle luci del Teatro dell’Opera. Devo dire che è quasi più bello di sera che di giorno.

tumblr_obv7hrWX7U1slenx2o1_1280

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...